IL SOTTILE RAPPORTO SOCIAL CIBO

Dal debutto di Masterchef nel 2011 il mondo del Food & Beverage è esploso e da lì non si è più fermato, ora ci sono un numero indefinito di trasmissioni di cucina, gare culinarie, competizioni tra ristoranti, che insieme al boom dei social network sono stati il trampolino di lancio per questo fenomeno che ormai vediamo tutti i giorni nei nostri feed.Tutti ora hanno la possibilità di mostrare quello che cucinano, di insegnare ricette, dare consigli e recensire posti, ma come facciamo a distinguere chi è meritevole di essere seguito?Dobbiamo poi ricordaci che i social si basano semplicemente sull’aspetto visivo, e quindi siamo portati a giudicare una ricetta solo da una foto e un video, senza sentirne il gusto, i profumi o il lavoro che c’è dietro. Sarebbe un po’ come ammirare un quadro semplicemente con il tatto o annusandolo, magari ti sembra buono, ma poi apri gli occhi e non è poi cosi bello. Allo stesso modo una ricetta vista su Instagram o su un blog può sembrare fantastica esteticamente, ma è veramente una ricetta valida e gustosa? Una delle cose che che ho imparato lavorando in cucina è che la cosa fondamentale per la riuscita di ogni piatto, è assaggiare ogni cosa che si prepara. Dall’acqua in cui cuoci la pasta, al germoglio che metti sopra per decorare, tutto ha un sapore, un profumo suo e non puoi sapere che gusto ha il piatto finale se non assaggi ogni singolo elemento che lo compone. Ho 6 anni di esperienza lavorativa nel mondo della ristorazione e mentirei se vi dicessi che conosco abbastanza da potermi permettere di divulgare ricette e piatti che conosco, sopratutto perché la percezione che abbiamo del cibo che mangiamo è una delle cose più soggettive che esistono. Io e il mio amico Roberto, anche lui con esperienze lavorative e universitarie nel mondo della ristorazione, abbiamo fondato “Pillole Culinarie” per ovviare a questo problema. Il mondo della cucina professionale è un ambiente molto chiuso e geloso dei suoi segreti, ma allo stesso tempo c’è un assoluto bisogno di informazioni culinarie per correggere errori banali che quotidianamente si vedono nei video di persone appassionate di cucina che si reinventano divulgatori. Il consiglio che ci sentiamo di darvi è quello di informarvi su chi seguite, e non valutare solo l’aspetto visivo, e poi provate con le vostre mani, create e assaggiate!

Questo articolo fa parte delle Categorie:
-
Potrebbero interessarti anche:
- - - - - - -
Su Pillonet dal: Marzo 11, 2022
Questo articolo è stato scritto da: Paolo Bottio
Illustrazione
Questa illustrazione è stata realizzata da Filippo Colombo
Correlati
FISH-AGING
Giugno 22, 2022
Scritto da: Massimo Nobili
I TÈ FUNZIONALI, GLI ALIMENTI DEL BENESSERE
Giugno 6, 2022
Scritto da: Barbara Vola
FOODBLOGGER VS COOK
Maggio 16, 2022
Scritto da: Eugenio Marongiu
CIBO E MODA, DUE STILI PROFONDAMENTE CONNESSI
Maggio 9, 2022
Scritto da: Irene Cattaneo
T-SHOT UN'IDEA IN MOVIMENTO
Aprile 25, 2022
Scritto da: tshot
STORIE DI BARMAN
Marzo 11, 2022
Scritto da: Flavio Angiolillo
2. BAR ART - COME NASCE UN LATTE ARTIST
Marzo 11, 2022
Scritto da: Federico Duronio
1. BAR ART - EL MEJOR LATTEADOR
Marzo 11, 2022
Scritto da: Federico Duronio
I COLORI DEL TÈ
Marzo 11, 2022
Scritto da: Barbara Vola
Ultime attività dello stesso autore:
arrow-down-circle